Please reload

Book Haul di Ottobre

October 31, 2017

E' arrivato l' autunno, i paesaggi iniziano a dipingersi di colori autunnali, si passa molto più tempo sotto il piumone e oltre a tutte le cose da fare sempre e solo di corsa, bisogna trovare anche un po di tempo per se stessi e per fare ciò che ci piace, nei miei ritagli di tempo ultimamente leggo e scrivo.. e quando sono in giro nei miei amati mercatini dell' usato non resisto nel comprare libri!

 

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni.
(Ugo Ojetti)

 

Questo mese mi sono contenuta a sforzo visto che erano tutti in offerta a 0.50€ 

iniziamo con il primo:

 

TITOLO: Due volte la stessa carezza

 

AUTORE: Fusini Nadia

 

Essendo appassionata anche di arte questa copertina mi ha letteralmente rapita,(dipinto di Frederick Leighton) sono subito corsa a leggermi la trama che a sua volta mi ha rapito anche essa, 

Quando Clara nasce , il suo destino è gia segnato: nel suo nome porta il ricordo di  un altra Clara la giovane sorella della madre , appena scomparsa. 

Imitandone i gesti , ripetendone le parole , indossandone le vesti, la seconda Clara si trasforma nel doppio vivente della morta... 

Mi ha molto incuriosito, può una persona vivere la vita di una persona, che non ha mai conosciuto? Può mettere da parte le proprie passioni, i propri sogni e il proprio carattere solo per essere la persona che gli altri vogliono che essa sia? Lo leggerò, spero presto, per capire realmente la scrittrice come ha sviscerato nel suo libro un argomento a me cosi tanto lontano... Io per carattere e per principio non riuscirei mai a vivere la vita di un altro!

 

 

       

 

TITOLO: Il bambino con il pigiama a righe

 

AUTORE: John Boyne

 

Chi non conosce il libro e il film de "Il bambino con il pigiama a righe"?

Ho visto il film da adolescente ed è una di quelle storie che dovrebbero conoscere tutti... 

"Bruno è un bambino di otto anni, curioso, intraprendente e appassionato d'avventura. Vive a Berlino, durante la seconda guerra mondiale, con suo padre Ralf, un ufficiale nazista, sua madre Elsa, sua sorella Gretel e una giovane domestica, Maria.Un giorno, a seguito della promozione del padre, Bruno viene costretto a lasciare la città e tutti i suoi amici per trasferirsi in una casa di campagna insieme alla famiglia.Poco dopo il suo arrivo, il bambino scopre per caso che vicino alla sua nuova abitazione, sorge un campo di concentramento. Improvvisamente catapultato in una vita monotona e solitaria, circondato solo da domestici e soldati, il bambino inizia ben presto ad esplorare i dintorni della tenuta; riesce così a scoprire un passaggio, che lo conduce fino ai confini del campo di concentramento.Lì, conosce Shmuel, un bambino ebreo, suo coetaneo. Nonostante tra i due vi sia del filo spinato e una incomprensibile tendenza ad infondere odio verso la razza ebraica, Bruno si dimostra fin da subito estraneo ai condizionamenti. Tra i due bambini nasce infatti una profonda amicizia, che porterà Bruno a superare le recinzioni del campo per aiutare l'amico, a costo della vita." Non ha bisogno di molte parole questo libro, bisogna leggerlo per capire, per non tapparsi le orecchie ma anzi bisogna documentarsi per capire e per sperare in un mondo migliore! 

 

 

 

 

TITOLO: Occhi di bottone

 

AUTORE: Sylvia Waugh

 

Principalmente mi innamoro prima delle copertine e poi della trama, e con questo libro è stato cosi, 

"Occhi di bottone" con questo titolo ho ricordato subito Coraline di Neil Gaiman, che io ho adorato..

"Molte persone fingono di vivere, non inventano una vita personale, ma ripetono gli atti che credono di dover fare. Una vita automatica che diventa finzione, stereotipo. La famiglia di bambole che una sarta magica inventò un tempo nella sua casa buia finge di appartenere all'umanità, di aver bisogno di mangiare, di lavorare, di dormire, perfino di venire in visita da una villetta suburbana, quando invece si esce da un armadio. La finzione continuerebbe per sempre, se una lettera che annuncia l'arrivo del nuovo padrone di casa non gettasse tutti nel panico di essere scoperti. Basteranno gli occhiali neri a nascondere gli occhi di bottone, le sciarpe a nascondere le guance di stoffa, i berretti a celare i capelli di lana?"

Spero di immergermici presto in questo mondo fatato ricco di fantasia e realtà...

 

 

 

TITOLO: Il vecchio e il mare 

 

AUTORE: Ernest Hemingway

 

Da quando lavoro in biblioteca questo libro mi è passato in mano molte volte, ne sento parlare spesso anche su

you tube nei vari video di consigli di lettura..

"È la storia di Santiago, un vecchio pescatore che è da ottantaquattro giorni che pesca nulla, quasi fosse stato maledetto.Ma Santiago non si arrende e decide di riprendere il mare, per cacciare un gigante pescespada:

è l’inizio di una lotta contro le forze della natura, il mare e gli squali, che dura tre giorni e tre notti, ma soprattutto è la ricerca del proprio coraggio, di quel qualcosa che può dare senso alla vita.Una storia epica e riflessiva, che vuole analizzare la fatica che l’uomo fa a sopravvivere e al tempo stesso la dignità che esso ha nel farlo....

E' un cruccio che ho nel mio trascorso letterario leggere qualche classico tra cui anche "Il vecchio e il mare"...

 

Sperando di tornare presto a scrivere, (ho tanti post da pubblicare)vi auguro Buoni festeggiamenti per Halloween.. e una buona settimana! 

Se avete letto alcuni di questi libri scrivetemi per confrontarci... 

 

Un abbraccio e un bacio!                           Veronica 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Leggere un libro non è uscire dal mondo, ma entrare nel mondo attraverso un altro ingresso.
(Fabrizio Caramagna)

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now