Please reload

BOOK HAUL di NOVEMBRE

December 10, 2017

 

Pensavate di averla fatta franca questo mese con la mia book haul?

invece no.. eccomi qui continuo  a comprare libri e ad accumularne... 

Ebbene si, è  arrivato dicembre il mese del Natale e del consumismo spudorato,

(sono molto Grinch quando si parla di Natale e feste comandate) 

ma bando alle ciance, ciancio alle bande e cominciamo, questi libri li ho acquistati tutti nei mercatini sparsi nella mia zona..

pagati tutti  al massimo 2,00 / 3,00€

 

 

TITOLO:  La tentazione di essere felice 

 

AUTORE: Lorenzo Marone 

 

Un libro con una copertina del genere e un titolo cosi accattivante non potevo non portarlo a casa.

"La tentazione di essere felici"

tutti nella vita tentiamo giorno dopo giorno di trovare la felicità quella felicità che a volte ha il gusto amaro, dolce e agrodolce..

 

"Cesare Annunziata potrebbe essere definito senza troppi giri di parole un vecchio e cinico rompiscatole. Settantasette anni, vedovo da cinque e con due figli, Cesare è un uomo che ha deciso di fregarsene degli altri e dei molti sogni cui ha chiuso la porta in faccia. Con la vita intrattiene pochi bilanci, perlopiù improntati a una feroce ironia, forse per il timore che non tornino. Una vita che potrebbe scorrere così per la sua china, fino al suo prevedibile e universale esito, tra un bicchiere di vino con Marino, il vecchietto nevrotico del secondo piano, le poche chiacchiere scambiate malvolentieri con Eleonora, la gattara del condominio, e i guizzi di passione carnale con Rossana, la matura infermiera che arrotonda le entrate con attenzioni a pagamento per i vedovi del quartiere. Ma un giorno, nel condominio, arriva la giovane ed enigmatica Emma, sposata a un losco individuo che così poco le somiglia. Cesare capisce subito che in quella coppia c’è qualcosa che non va, e non vorrebbe certo impicciarsi, se non fosse per la muta richiesta d’aiuto negli occhi tristi di Emma... I segreti che Cesare scoprirà sulla sua vicina di casa, ma soprattutto su se stesso, sono la scintillante materia di questo formidabile romanzo, capace di disegnare un personaggio in cui convivono, con felice paradosso, il più feroce cinismo e la più profonda umanità."

 

La storia di questo signore arrabbiato con il mondo, chiuso in se stesso e nei suoi problemi che probabilmente la vita le ha riservato mi ha incuriosito, mi rivedo molto in lui.. solitaria, isolata  a volte anche asociale..

 

 

TITOLO:  Il mio cuore ferito 

 

AUTORE: Lili Jahn

 

Una delle mie più grandi passioni è lo stile Vintage,  che si parli di accessori, abbigliamento,oggetti per la casa, libri.

Quando ho visto questo libro e questa copertina mi sono sciolta letteralmente poi leggendo la trama ne ho avuto la conferma..  Ho grande interesse del periodo Nazista e dei campi di Concentramento perchè credo che scempi del genere non debbano mai essere dimenticati... 

 

"Lilli, nata nel 1900 a Colonia da una famiglia della borghesia liberale ebraica, si laurea in medicina e sposa il medico protestante Ernst Jahn, dal quale ha un figlio e quattro figlie. Con l'avvento del nazismo, la vita della famiglia Jahn si fa sempre più dura, ma per Lilli gli eventi precipitano nel 1939, quando il marito, innamoratosi di un'altra donna, divorzia e la lascia in balia della persecuzione. Nel 1943 viene internata nel campo di lavoro di Breitenau; nel 1944 arriva ad Auschwitz, dove ben presto muore di stenti. Ciò che rende straordinaria la sua storia è la sopravvivenza del carteggio con i figli dal campo di concentramento. Sono lettere toccanti dalle quali traspare la ricchezza dei sentimenti che uniscono la madre e i figli."

 

Lo leggerò nella settimana della "GIORNATA DELLA MEMORIA" la commemorazione che si tiene ogni anno il 27 Gennaio, per non dimenticare le cattiverie subite e farsì che tutto ciò non accada mai più.

 

 

TITOLO: Il sapore delle fragole

 

AUTORE: Philippe Delerm

 

Scarpe rosse in bella vista e uno sfondo di terriccio che mi ricorda tanto gli anni passati, gli anni in cui i nostri nonni lavoravano nei campi con tanta fatica ma tanta armonia...

 

"Stèphane, giovane scrittore parigino, ritorna al sud, alla casa della nonna, nella campagna che fece da cornice alle sue lunghe e spensierate estati di bambino, fra giochi, feste di paese e allegre pedalate. Rivedere quei luoghi per dare l'ultimo addio all'anziana parente.

Lo riporta con la memoria al gusto di certi attimi, al brivido o alla carezza di certe emozioni. Solo, nella penombra delle mura ancora profumate di lavanda e di torte appena sfornate, rivive sensazioni di un passato ancora ben presente: il tocco vellutato delle albicocche, la visione luminosa delle vigne cariche di grappoli, il bagno nel verde gelido della Garonna, il sapore fresco delle marmellate preparate dalla mamma... Ma tutto cambia o è già cambiato. La casa, scrigno di ricordi, verrà venduta; il castello abbandonato, meta di sfide tra ragazzini, ha perduto gran parte del suo fascino misterioso, passando nelle mani di una famiglia borghese; e la cugina Sylvie, antica compagna di scorribande e segreto oggetto del suo amore adolescenziale, sta per sposare un altro. Un tuffo in un tempo tanto lontano, sospeso in un'aura magica, che Delerm riesce come sempre a pennellare con sfumature sapienti e suggestive."

 

I nonni sono il dono più bello che si possa conoscere e apprezzare nella vita , ricordo con tanto affetto i pomeriggi passati con mia nonna a preparare le merende più buone dell' universo..  ho comprato questo libro perchè spero di rivivere  quei profumi  e quei sapori che tanto rimpiango..

 

 

TITOLO: La ghiacciaia

 

AUTORE: Jeffrey Caine 

 

 

Prediligo sempre il genere thriller, e quando poi si parla nella trama di fantasmi e avvenimenti paranormali non resisto.. 

 

"Esaminò mentalmente le varie possibilità mentre brancolava verso gli spiragli di luce, nell'oscurità della stanza segreta. Il pavimento che sentiva sotto le ginocchia protette dai jeans non era più rivestito da linoleum, ma formato da nude assi, ruvide, non verniciate, secche e polverose.

Ecco il perchè dei topi. Una vecchia ghiacciaia abbandonata, piena di carcasse che nessuno si era preoccupato di rimuovere, giustificava abbondantemente l' invasione: e nello stesso momento in cui lo pensò udì grattare. Era qualcosa di molto più grosso di un topo che si muoveva.

Carla Martin. una ragazzina inglese di quindici anni, non aveva mai visto Berlino Est. La sua doveva una piacevole vacanza , un' occasione per conoscere una nuova città in compagnia del padre. Ma qualcosa andò storto sin dal principio, quando arrivò in quello strano albergo, sinistro e fatiscente.Da quel momento fu tutto un susseguirsi di di incubi, sempre più orribili , agghiaccianti e grondanti di sangue.."

 

Leggendo la trama sembra davvero un libro accattivante e pieno di suspence, speriamo non mi deluda.... 

 

 

TITOLO: I giorni dell' abbandono 

 

AUTORE: Elena Ferrante 

 

Ogni donna ha il proprio periodo 

di cambiamento e di rotture..

Elena Ferrante conosciuta per la trilogia de "L' amica geniale" è un autrice affermata.. non ho mai letto nulla di suo ho comprato questo libro anche per conoscere la sua scrittura...

 

"Una donna ancora giovane, serena e appagata, tutt'altro che inattiva nel cerchio sicuro della famiglia, viene abbandonata all'improvviso dal marito e precipita in un gorgo scuro e antico. Rimasta con i due figli e il cane, profondamente segnata dal dolore e dall'umiliazione, Olga, dalla tranquilla Torino dove si è trasferita da qualche anno, è risucchiata tra i fantasmi della sua infanzia napoletana, che si impossessano del presente e la chiudono in una allenata e intermittente percezione di sé. Comincia a questo punto una caduta rovinosa che mozza il respiro, un racconto che cattura e trascina fino al fondo più nero, più dolente dell'esperienza femminile."

 

Le donne sono creature forti che mai si abbattono e mai si stancano...

 

Con la speranza di leggerlo presto vi dò appuntamento al prossimo post...

 

Un abbraccio..                                                                                       Veronica  

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Leggere un libro non è uscire dal mondo, ma entrare nel mondo attraverso un altro ingresso.
(Fabrizio Caramagna)

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now